Services

Disturbi specifici dell’Apprendimento

Cosa sono i DSA?

Si tratta di disturbi neurobiologici geneticamente determinati che coinvolgono uno specifico dominio di abilità, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale. Essi si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e deficit sensoriali, oppure di svantaggio socio-economico e culturale.

Sulla base del deficit funzionale vengono comunemente distinte le seguenti condizioni cliniche:

Dislessia evolutiva: disturbo nella lettura (intesa come abilità di decodifica del testo)

Disortografia evolutiva: disturbo nella scrittura (intesa come abilità di codifica fono-grafica e competenza ortografica)

Disgrafia evolutiva: disturbo nella grafia (intesa come abilità grafo-motoria

Discalculia evolutiva: disturbo nelle abilità di numero e di calcolo (intese come capacità i comprendere e operare con i numeri)

I disturbi specifici dell’apprendimento negli Adulti

I Disturbi Specifici dell’Apprendimento in età adulata sono una realtà in forte espansione ed evoluzione. Se adeguatamente trattati, I DSA spesso tendono ad un progressivo percorso di miglioramento, continuando tuttavia ad essere d’ impatto anche nell’età adulta.

La diagnosi di DSA da grandi può assumere, però, un importante momento di spiegazione delle difficoltà vissute in epoca scolastica e quindi di liberazione psicologica”.

Negli ultimi anni, la ricerca scientifica ha in età adulta sviluppando degli strumenti utili in grado di discriminare adeguatamente tali disturbi.
Tuttavia, l’adulto, diversamente dai bambini e ragazzi, può riscontrare molte difficoltà ad ottenere una valutazione specialistica e una diagnosi appropriata, a causa della mancanza di servizi diagnostici specializzati e dunque ad accedere alle misure di supporto previste dalla legge 170 dell’8 ottobre 2010 “Nuove norme in materia dei disturbi specifici di Apprendimento in ambito scolastico”.

Il mondo lavorativo per le persone con DSA

In Italia la conoscenza dei DSA in età adulta necessita ancora di approfondimenti.

Ad esempio, la normativa vigente in Italia non tutela i soggetti con DSA nell’ambiente di lavoro.
E’ utile considerare, a tal proposito, che la persona con un DSA è totalmente in grado di svolgere adeguatamente la propria mansione, in modo efficiente alla pari dei propri colleghi (si ricorda che uno dei principali criteri per poter emettere una diagnosi di DSA è che l’intelligenza sia nella norma).

Basti pensare ad alcuni grandi personaggi della storia aventi delle difficoltà di apprendimento, che hanno illuminato il mondo con le loro capacità:
Leonardo Da vinci, Giulio Cesare, Thomas Edison, Pablo Picasso, Albert Einstein, J.F. Kennedy, Agatha Christie, Walt Disney, ed ancora Ton Cruise, Mika, Dustin Offman, Silvester Stallone, etc…

La variabile necessaria per raggiungere tale condizione è che siano messi in grado di poter svolgere il lavoro: “Così come una persona miope ha bisogno degli occhiali, anche la persona con DSA ha bisogno di uno strumento compensativo”.
Diventa quindi di fondamentale importanza che tali tematiche vengano adeguatamente assimilate e approfondite, mediante opportuni percorsi di formazione, anche dalle aziende ed enti di lavoro.